Fuji X-E2. Lo Switch. Quarto capitolo.

by adminfc, March 7, 2014

HERE THE POST IN ENGLISH

 

Rieccoci. Siamo al passo decisivo. Al passo deciso, è fatta.

Ho da due mesi abbondanti una Fuji X-E2, una tra le ultime mirrorless messa in commercio dall’azienda che delle mirrorless ne ha fatto una ragione d’esistenza e di vittoria sul mercato.

Come qualcuno già sa seguo il settore da un bel po’. Ho sempre nutrito molto interesse in merito ed ho sempre atteso il momento in cui, per me, sarebbe stato possibile vendere tutte le reflex e continuare a lavorare usando dei corpi più leggeri e meno invasivi.

Avevo dei requisiti da soddisfare:

1 – non dovevo avere perdite significative di qualità rispetto a quanto usavo. Ho (in vendita in questo momento) una Nikon D600 ed una D700. Ottime macchine. Mi han permesso di fare cose delle quali sono soddisfatto e per le quali ho ricevuto apprezzamenti sparsi in qualche nazione (nulla di chè ma fan piacere). Con due buone lenti davanti. Non dovevo scendere di livello qualitativo. Mi serviva almeno un pari. “Perchè non di più” mi han chiesto molti : perchè secondo me vi è un “punto di sufficienza” oltre il quale andrei solo a cercarmi grane, pippe, cretinate. Parlo per la MIA fotografia sia chiaro. Con queste due macchine ho fatto tutto ciò che volevo e potevo fare. Erano ottime.

2 – reattività. Faccio tanti matrimoni in stile Kabul. Cosa significa ? Che i nostri clienti sanno benissimo che non devono calcolarci durante il loro giorno di festa. Quindi schizzano come schegge impazzite da una parte all’atra di case, chiese, location facendo quel che gli pare (nonchè quel che è giusto facciano nel LORO giorno). E noi gli corriamo dietro. Mi serve una messa a fuoco immediata e precisa.

3 – alti ISO. I matrimoni sono di sera, quasi tutti. Le location sono romantiche e buie. Alti ISO necessari. 6400 il minimo sindacale. Non pretendo il pixel pulito come ad un 200 iso ma pretendo delle immagini usabili. La D600 era arrivata a quanto mi serviva (la 700 no).

4 – Strobist. La tecnica di utilizzo dei flash da slitta comandati in remoto tramite trasmettitori. La uso quasi sempre. Per me fondamentale.

5 – robustezza. Eh si, serve. Cascano, gli piove sopra, ti versano il martini ed il sushi sulla lente etc. Capita.

Quindi in primis una mirrorless doveva darmi quanto sopra. Cercavo però delle cose in più che le reflex non potevano darmi:

1 – discrezione. La discrezione, il non essere identificato come il paparazzo folle. Questa poteva darmi delle fotografie NUOVE e per me è cosa molto importante. Molto più di un crop o di uno stacco dei piani fatto dal NOCT rispetto ad altro. Enormemente importante: FOTO NUOVE, EMOZIONI NUOVE.

2 – peso. Avere due catafalchi addosso per 12-14 ore era tanto. Pesavano, le ultime ore ero affaticato e un po’ scazzato. La voglia di schizzare in piedi a fotografare la sposa lanciata in aria dagli amici era solo mentale: il fisico mi mandava le maledizioni. PS ne facciamo tanti di matrimoni ed in mezzo a questi ho altri servizi, ho workshop, ho foto mie… insomma a metà stagione lo scorso anno ho avuto una forte infiammazione al menisco ed a fine stagione ero cotto come un arancere dopo la battaglia di ivrea (per restare in tema con uno degli ultimi servizi).

3 – stimoli nuovi. Semplicemente. Stimoli nuovi. Come quelli che mi ha dato l’iphone due anni fa e la Fuji X20 (macchina fotografica super ma non paragonabile ad una reflex. Quindi per altri usi). C’è sempre bisogno di stimoli nuovi, di sfide.

Ogni anno provavo le nuove uscite e sempre mancava qualche tassello. Quest’anno esce la X-E2 e come slogan dice “l’AF scheggia !” (più o meno dai, era un po’ diverso ma il concetto era lo stesso 🙂 ). Interessante. L’Af era uno dei punti cruciali non ancora risolti.
Scrivo a Fujifilm Italia proponendo un progetto di 1 anno. Accettano. Scopro con immenso piacere un’azienda meravigliosa. Che mantiene quel che promette. Che se può fa anche oltre. Rimango un po’ felicemente basito, lo ammetto.

Mi mandano questa X-E2 con tre lenti. La kit ( 18-55 ), un wide ( 14 ) ed un medio ( 60 ). Mi compro per conto mio un po’ di batterie. Pronti.
Inizio a cercarmi test per verificare se quanto mi necessita sia fattibile.

Il primo: un battesimo. Evento lavorativo simile ad un matrimonio. QUI la recensione. Ottimo.
Il secondo: un reportage semi sportivo all’evento Thay Boxe Mania, Torino. Lavorativo anche questo. QUI la recensione. Ottimo.
Il terzo: il mio miglior workshop di landscapes di ogni anno, Snowscape. Landscapes seriamente. PS al 14 ho comprato, as usual, sistema portafiltri etc etc scatto remoto etc etc. QUI la recensione. Ottimo, molto ottimo
Il quarto: reportage ultra reattivo alla battaglia delle arance di Ivrea seguendo i Diavoli sin sotto ai carri. QUI la recensione. Ottimo.

Nel mezzo un po’ di sevizi tra Engagement, landscapes, aziende etc. Sempre tutto ottimo.

In sostanza mi sono accorto di non aver perso nulla rispetto al mio precedente corredo. Le immagini avevano almeno la stessa qualità. In alcuni casi anche oltre. Sono sincero: sempre oltre. Ma lo ripeto, quell’ “oltre” che serve a poco se non a nulla. Io cerco altro.
Soprattutto mi son reso conto di aver scattato molte più fotografie nei tempi morti tra un servizio ed un altro. E’ piccina, ce l’hai sempre appresso. Fai foto.
Uno degli argomenti didattici che da sempre spingo nei miei workshop è proprio relativo al “fare foto”. Dovete farne tante se volete migliorare (vale per tutti). Beh, ne ho fatte molte più di prima.

Ne ho testato quindi la resa agli iso, la reattività, la robustezza, la qualità dei file, la portatilità e non ultimo l’utilizzo in Strobist (PS vanno benissimo i kit Yongnuo RF603 per Canon).
Ci ho fatto tutto ciò che facevo prima. Ma ne ho fatto di più.

Ma c’è stato un aspetto che più di tutti mi ha fatto riflettere. Da sempre amo mettermi in gioco su gruppi fotografici, siti etc. Di buon livello (ArtFreelance, Shot Magazine, Full Frame, 500px, loveyourpix ed altri). Lo faccio spesso. Misuro le mie fotografie anche in base a quante “Scelta dagli editori” ottengo piuttosto che dai piazzamenti nelle varie Gallerie che alcuni gruppi usano. E’ utile, è un confronto continuo. Ci sono grandi manici su questi gruppi.
Beh, le mie “scelta dagli editori” piuttosto che il resto sono RADDOPPIATI. Il doppio.

Mi rendo conto di fotografare come prima ma differentemente da prima. Non so bene il motivo, credo sia anche relativo alla questione “feeling” con il mezzo. Sicuramente anche le “coccole” avute da Fuji Italia hanno stimolato. Una serie di cose insomma. Ma alla fine chi se ne frega… produco immagini migliore e questo è quel che conta.

Per me e per i miei clienti. Il resto è ciccia, come sempre.

Quindi si, sto vendendo tutto il corredo reflex. Lo Switch è effettivo, si passa alle mirrorless. Fuji X.E2 è la mia scelta 😉

PS LA QUESTIONE FEELING è FONDAMENTALE. CONOSCO MOLTI FOTOGRAFI (COLLEGHI, AMICI, ETC) CHE PER SVARIATI MOTIVI (IMPUGNATURA, INDIFFERENZA AL MEZZO USATO E DA USARE, MICRO SETTORI FOTOGRAFICI PARTICOLARI, ETC) USANO E CONTINUANO AD USARE IL SISTEMA REFLEX. SE PER LORO FUNZIONA FANNO BENE. E’ OVVIO.

Questa è la MIA storia. 😉

Alcune immagini prodotte in questi 2 mesi:

Fb comments

10 Comments


    • Reply Cancel Reply
    • March 7, 2014

    Ciao! Mi togli qualche curiosità relativa all'autofocus, alla sua precisione ed alla sua velocità? Mi diletto con foto sportive e a concerti, due situazioni critiche... e mi piacerebbe un tuo parere in merito! Grazie

      • adminfc
        Reply Cancel Reply
      • March 7, 2014

      Ciao Edoardo. Per quanto riguarda la precisione direi che è assoluta. Dicono che i sistemi ML siano addirittura più precisi ma sinceramente boooooh io li trovo precisi uguale :) Per la rapidità... dipende che foto fai. Io al buio non ho avuto alcun problema (usa una buona lente ovviamente). Credo che dovresti provarla...

    • Fabio
      Reply Cancel Reply
    • March 8, 2014

    Ciao, mi sono incuriosito anche io del mondo ML Fujii X e ho appena acquistato una X-E1 con 18-55 e mi trovo molto bene, sia per la praticità di un corpo che passa inosservato che per la qualità delle immagini. Da quello che puoi sapere c'è differenza tra le due macchine per quel che riguarda l'AF? Ciao e grazie!

      • adminfc
        Reply Cancel Reply
      • March 8, 2014

      Ciao Fabio, splendida la 1 ma l'af della 2 è davvero una scheggia come promettevano :) Dipende se ti serve l'af rapido... (e un po' di ISO in più ;) ).

    • MIke
      Reply Cancel Reply
    • March 14, 2014

    Nice review but... As you Know In Italy there is no 'Fuji repair center. For each problem the machine is sent in england and any repair requires at least four weeks. A small issue takes months. No good choice for professional users

    • Luca
      Reply Cancel Reply
    • March 24, 2014

    Grazie! Quali credi siano le differenze "sul campo" con la nuova T1?

      • adminfc
        Reply Cancel Reply
      • March 24, 2014

      Ciao Luca, mi spiace non te le so dire... ho provato troppo poco la XT... è certamente una bomba ma sul campo non ho idea se abbia o meno delle differenze sostanziali. Sicuramente, se a me va benissimo la E2, andrebbe benissimo anche la T1 :)

  • [...] Ah una curiosità: due delle immagini sono scattate con una Mirrorless. La mia fotocamera attuale X-E2. Il prossimo anno lo saranno, ovviamente, tutte (LO SWITCH) [...]

    • Lino
      Reply Cancel Reply
    • September 23, 2015

    Ciao Fabio, credo di aver sottovalutato queste macchinette. Da fotografo amatoriale possessore di una D600 e di una compatta X10 non ero molto convinto del cambio in favore di Fuji, viste le carenze di quest'ultima ad alti iso e nella velocita' operativa... La X10 comunque e' una compatta con un piccolo sensore, quindi ho seguito l'evolversi dei modelli serie X e le recensioni positive trovate in rete (tra cui anche le tue). Qualche settimana fa mi si e' presentata una occasione presso il mio negozietto di fiducia..una X-E2 solo corpo, con nemmeno 200 scatti, praticamente usata&immacolata, ad un vero prezzaccio. Ok, l'ho acquistata con l'intento di farla diventare un secondo corpo, se va male potevo (posso) sempre rivenderla, guadagnandoci pure... La sto utilizzando con un adattatore per ottiche (buone) Nikon. Le foto che sto facendo sono con messa a fuoco in manuale. Che spasso. I test stanno andando oltre ogni previsione, il "piccolo" sensore APSC non soffre in confronto alla D600; le vecchie ottiche Nikon della serie AI-S sembrano perfette per questo utilizzo...poco fa stavo contando i peli del naso del mio jack russel fotografato a 3 metri....ulp. E' molto probabile che la X-E2 non vada bene per tutti i generi fotografici (avifauna? macro? sport?), ma per uscite spensierate ed eventi e' un coltellino svizzero di qualita'. Probabilmente vendero' qualche ottica Nikon per finanziare un futuro acquisto di ottiche Fuji (mi ispira l'economico 27) Non pensavo davvero, bravo Fabio...

    • Serena
      Reply Cancel Reply
    • September 25, 2017

    Ciao Fabio, innanzitutto WOW. GRAZIE per quello che fai e per come lo fai. Vedo le tue foto e leggo i tuoi post e devo dire, sei l'unico che ha sviscerato con così tanta attenzione il tema Dello Switch da reflex a mirrorless. Io non sono una dotografa professionista, ma amo la fotografia e faccio foto per divertirmi, ho una reflex Canon che al tempo era entry Level (EOS 1100d) ma, essendo una ragazza, quando viaggio sono davvero scomoda. Quindi ho iniziato a valutare il passaggio in toto a mirrorless. Finora nessuno aveva risolto tutti i miei dubbi come te. Ero indecisa tra la x-e2s e la xt1. Penso (per motivi di prezzo e comodità) che prenderò proprio la prima, che a te piacque così tanto. Che obiettivo mi consigli come primo da mettere su? Grazie, Serena.

Leave a Reply

Your email address will not be published Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image

like box

Slideshow